La Galleria Borghese e la Fondazione IBM Italia

Una lunga collaborazione lega la Galleria Borghese e la Fondazione IBM Italia, un’organizzazione no-profit costituita da IBM al fine di consolidare, in una struttura istituzionale, l'impegno dell'azienda nei campi sociale e culturale.
In ambito culturale, i programmi realizzati dalla Fondazione prevedono l’uso innovativo delle più avanzate tecnologie per la salvaguardia, la valorizzazione e la promozione dell’immenso patrimonio artistico e culturale italiano.
Esempio di questo impegno è la collaborazione con la Galleria Borghese, iniziata nel 1999 con la realizzazione del “Cilindro Multimediale”, una innovativa struttura concepita allo scopo di dotare la Galleria di un’area informativo-didattica di tipo multimediale.

La Fondazione IBM Italia sostiene il progetto “10 Grandi Mostre” e, come già per la Mostra su Raffaello, anche in questa occasione, oltre alla realizzazione del sito Internet, punto di riferimento informativo e di “comunicazione on-line” con al suo interno tutte le informazioni dalle più generali e logistiche, a quelle tecnico-scientifiche sulle opere in Mostra e su Canova, fornisce un supporto tecnologico realizzando un applicativo multimediale che dà l’opportunità di approfondire il lavoro di Canova, mettendo a confronto le sue realizzazioni con le opere e le ispirazioni che ricevette da sculture, disegni e dipinti presenti al suo arrivo a Roma nella ”Villa più bella del mondo”, come lui stesso la definì.
L’intervento si è poi concretizzato con l’installazione, all’interno della Mostra, di quattro postazioni composte da moderni computer e da monitor a cristalli liquidi.
La redazione del sito e dello studio multimediale sulle opere di Canova è stato curato da Marina Minozzi e da Maria Assunta Sorrentino, storici dell'arte della Galleria Borghese, con il coordinamento di Filippo Antonacci.